Storia e memoria, di Franco Ferrara

creato da webmaster ultima modifica 18/04/2019 16:48
Pubblicato il giornale di Cercasi un Fine n. 100. 2005-2015: 100 numeri di giornale, 10 anni di attività. Il momento di una riflessione condivisa ...

 

Cercasi un fine compie 10 anni di vita e raggiunge il numero 100 di pubblicazione.
Diversi sono gli angoli di lettura dell’esperienza.
Il primo ha origine nell’esperienza realizzata dal 1997 al 2002 con il periodico Caro Eberhard.
Alla fine degli anni ‘90, si registrava in terra di Bari la presenza di un laicato responsabile che in maggior parte aveva vissuto il Concilio Vaticano II e il postconcilio. Lo spazio che si apriva era quello lasciato sul terreno non solo dalla fine della Democrazia Cristiana, dalle mutazioni del Partito Comunista e dall’affermazione di nuovi soggetti sociali come l’associazionismo e il volontariato, ma anche dall’abbandono delle militanze politiche nei partiti. Si raccoglievano da diverse sponde i frammenti di queste realtà. Inoltre, nonostante il clamore mediatico, la complessa vicenda di lotta alle mafie e l’esigenza di amministrare le città, uscendo dai recinti della corruzione, rimanevano sullo sfondo. La lotta alle mafie richiedeva un salto di qualità alla laicità e non soltanto a quella pugliese. Era indispensabile un laicato con un’elevata coscienza critica, che necessitava di una formazione permanente in grado di attivare ai vari livelli istituzionali e sociali il discernimento come azione profetica.

In questo humus affonda la matrice e la nascita del giornale e delle scuole di politica. 
Infatti, mentre Caro Eberhard si chiudeva, dall’incontro informale di don Rocco D’Ambrosio, Ignazio Grattagliano e chi scrive fu pensato un nuovo percorso formativo che trovasse nell’autonomia laicale il punto di convergenza. L’ispirazione di Bonhoeffer, don Milani, don Tonino Bello, Moro e Stein fu la prima pietra di questo progetto per riscoprire l’impegno politico e sociale a partire dalla propria responsabilità.
Le scuole di formazione socio politica, insieme al giornale e alla casa della convivialità, pensate in divenire dai fondatori, dovevano contribuire alla storia della nuova politica.
È stato facile convogliare sulla proposta del nuovo giornale e delle scuole, il laicato più impegnato nello spazio sociale e politico.
Si è formato un motivato gruppo redazionale che ha trovato reciproca accoglienza e condivisione d’intenti operativi.
La redazione, sede in cui ogni volta è discusso e scelto il tema, ha rotto lo schema tradizionale del lungo articolo e soprattutto dell’essere voce di qualche gerarchia.
La pubblicazione del giornale ha suscitato interesse per i temi trattati, la novità del punto di vista, l’analisi circostanziata, l’autonomia del pensiero e per la speranza di contribuire al cambiamento dell’azione politica.
La sua diffusione ha favorito la nascita e l’affermazione delle scuole di politica sul territorio prima provinciale poi regionale.
Esse sono progettate su modulazione triennale, allo scopo di accorciare la distanza tra cittadino e istituzioni e promuovere la partecipazione attiva e competente a discernere le scelte politiche e amministrative locali, fino alla stesura partecipata dei bilanci comunali.

Possiamo sostenere che le scuole hanno creato interazioni nuove sul territorio: i docenti, i formatori, i redattori sono stati chiamati periodicamente alla formazione.
La loro provenienza dal mondo universitario, da ruoli istituzionali, dal volontariato hanno contribuito all’attuale identità sia del giornale che delle numerose scuole di politica sorte in quasi tutto il territorio pugliese: attualmente ci sono 15 scuole attive.

La rilettura del pensiero politico, dei ruoli istituzionali, dei processi della globalizzazione, della crisi economica, insieme ai temi eticamente sensibili, povertà, Europa, multiculturalità, corruzione e altri temi hanno costituito l’ossatura di CuF e del nuovo impegno politico, che ha fatto leva sulla coscienza e la libertà personale.

Il secondo angolo di lettura è quello della casa della convivialità sociale, politica e interculturale “don Tonino Bello”.
L’idea di far incrociare le culture, di elaborare politiche sociali innovative, scaturiva dalla rilettura del pensiero di don Tonino Bello: “La pace non viene quando uno si prende solo il suo pane e va a mangiarselo per conto suo. Quella è giustizia, ma una volta che è avvenuta la giustizia, non ci sarà ancora la pace. La pace è qualche cosa di più è convivialità, cioè mangiare il pane con gli altri senza separarsi. La pace cosa è? È la convivialità delle differenze, quando si mettono a sedere alla stessa tavola persone diverse che noi siamo chiamati a servire”.

Purtroppo il progetto della casa della convivialità non si è realizzato.
Il reperimento della struttura è diventato uno scoglio insormontabile, inizialmente ci si è adoperati per gestire il complesso residenziale, confiscato per abusivismo edilizio nel 2008 di Cassano delle Murge; poi l’ospitalità nelle strutture dell’Ospedale Miulli; in seguito ci si è orientati nella ricerca di strutture private.
Allo stato attuale la casa della convivialità è sospesa, ma non annullata.

Il Centro Studi Erasmo -primo editore- ha favorito la crescita dell’autonomia laicale e la genesi sia associativa che della pubblicazione di CuF per poi ritirarsi, poiché, è nello stile del Centro Studi promuovere l’autonomia, fedele al pensiero e all’azione di Erasmo da Rotterdam.

Nel 2014 è stato stipulato un accordo con la casa editrice La Meridiana di Molfetta per aprire nuovi spazi tematici e collaborativi.
In cantiere ci sono proposte: il passaggio del giornale su web e la collaborazione con La Meridiana al fine di contribuire alla diffusione delle tematiche fondamentali al rafforzamento dell’autonomia laicale come soggetto innovatore del Mezzogiorno.

Franco Ferrara
[presidente Centro Studi Erasmo, redattore CUF, Gioia, Bari]

 


Scarica il giornale n. 100, 2015 - Anno XI

 


Contribuendo

Le nostre attività sono tutte autofinanziate.
Grazie per il tuo sostegno!

 

 


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.