Si può fare tanto, di Ennio Triggiani

creato da webmaster ultima modifica 18/04/2019 16:48
Pubblicato il giornale di Cercasi un Fine n. 100. 2005 - 2015: 100 numeri di giornale, 10 anni di attività. Il momento di una riflessione condivisa ...
Si può fare tanto, di Ennio Triggiani

Prima pagina del vecchio sito di Cercasi un fine

 

E' sempre più difficile, nel nostro amato-odiato Paese, seguire le vicende politiche e ancor meno riuscirci ad appassionarsene.
È significativo che da nobile espressione dell’attività umana il termine politica sia normalmente identificata come malaffare, indebito arricchimento, compromesso deleterio, coacervo di interessi del tutto individuali.

Ecco perché una dichiarazione d’amore per la politica, oggi, presuppone un’innata passione e una buona dose di coraggio; eppure ad essa, coltivandola in mille forme, non si deve rinunciare essendo comunque indispensabile in vista dell’aspirazione al buon governo ed al bene comune da coniugare prioritariamente con due qualità purtroppo in via di repentina estinzione quali cultura e onestà.

Le pietose condizioni in cui versa la povera Italia sono, infatti, legate alla triste circostanza che essa ormai è individuata non più quale il Paese privilegiato del sole e delle ricchezze artistiche ma invece dell’individualismo esasperato, della corruzione eretta a sistema ed aggravata da una diffusa evasione fiscale, della furbizia assurta a virtù e, in sintesi, della mancanza di senso dello Stato, dai più percepito come qualcosa di estraneo se non di antagonista.

Si comprende allora l’ormai generalizzata sfiducia verso gli strumenti principali, in ogni democrazia, della canalizzazione del consenso e cioè i partiti, indipendentemente dalla loro connotazione ideale. È fuor di dubbio che essi si sono radicalmente trasformati rispetto ai luoghi in cui si praticavano lo studio individuale e collettivo, la gavetta nei luoghi di lavoro e di socializzazione ed anche, per alcuni, un cursus honorum progressivo e monitorato. Oggi sono il più delle volte diventati strumenti di mera canalizzazione del potere e del denaro in cui una ristretta cerchia di personaggi opera per collezionare incarichi e lasciare qualche briciola del fiero pasto a fedeli ed ossequiosi yes men/women.

Aristotele scrisse che tre requisiti devono avere quelli che si apprestano a coprire le magistrature supreme, quali oggi il capo dello Stato, i legislatori, i governanti e i magistrati. Il primo è il rispetto della Costituzione in vigore, poi estrema capacità nei doveri della carica, terzo avere virtù e giustizia. Se ci guardiamo attorno, ahimè, non sempre, per usare un eufemismo, il possesso di questi requisiti è rintracciabile in chi ricopre le suddette cariche. La perdita di credibilità delle istituzioni è, però, gravissima in quanto i cittadini hanno, invece, bisogno di credere nella politica, essendo sempre dietro l’angolo il grave rischio di andar dietro al primo demagogo capace di intercettare la crescente e comprensibile insoddisfazione.

L’aspetto ulteriormente singolare legato a un quadro a tinte così fosche è che, comunque, ci proclamiamo un Paese cattolico anzi quello che per eccellenza potrebbe definirsi tale: ma poi, lo siamo davvero o solo dal punto di vista dell’anagrafe battesimale considerate la scarsa incidenza prodotta sui nostri comportamenti quotidiani?

È solo sulla base del recupero dei valori fondamentali della persona che si può porre anche l’annosa questione del riscatto economicosociale del Mezzogiorno, passando attraverso la valorizzazione delle risorse artistiche, economiche e culturali delle nostre terre; e ragionare di un suo riscatto da collocare nell’irrinunciabile strategia diretta a costruire un’Europa sempre più integrata socialmente e politicamente.

Forse è il momento giusto per riuscire a cogliere la voglia, che pur è molto diffusa fra i cittadini e sottolineata dal crescente astensionismo, di riappropriarsi della politica ma con strumenti e modalità nuove nonché sane. Nostro dovere è soprattutto far nascere o rinnovare l’amore per la politica, quella vera, soprattutto fra i giovani. Dico sempre ai miei studenti che essi hanno il dovere istituzionale di rinnovare la società portando l’entusiasmo, la passione e la freschezza delle idee che la loro felice età dovrebbe elargire a piene mani. Ed è l’unica maniera con cui, dovendo purtroppo farsi carico dei furti perpetrati nei loro confronti, essi possono riprendersi in mano la vita.

Ma, per far questo, è necessario avere una bussola che indichi permanentemente la direzione giusta, quella segnalata autorevolmente del Presidente della Repubblica forse più amato, Sandro Pertini: “Ecco l’appello ai giovani: di difendere queste posizioni che noi abbiamo conquistato; di difendere la Repubblica e la democrazia. E cioè, oggi ci vogliono due qualità a mio avviso cari amici: l’onestà e il coraggio. E quindi l’appello che io faccio ai giovani è questo: di cercare di essere onesti, prima di tutto: la politica deve essere fatta con le mani pulite. Se c’è qualche scandalo. Se c’è qualcuno che dà scandalo; se c’è qualche uomo politico che approfitta della politica per fare i suoi sporchi interessi, deve essere denunciato!”. Ma non va trascurata l’esigenza di risvegliare anche nei diversamente giovani la voglia di partecipare, di non rinchiudersi e isolarsi nella stanca disillusione del non c’è più niente da fare.

Per queste ragioni è da considerare un piccolo grande miracolo il percorso culturale e formativo svolto dall’associazione Cercasi un Fine attraverso i cento numeri del suo giornale, il suo sito web e le sue scuole, tutti luoghi nei quali ci si confronta, si insegna e si impara, si matura e nei quali vige il metodo dell’apertura alle idee di tutti, indispensabile vaccino per sconfiggere le purtroppo risorgenti malattie dell’integralismo e del fondamentalismo.
Siamo di fronte ad un vero patrimonio collettivo dell’umanità, pugliese e non solo.
Si tratta di un esempio d’intelligente passione e generosa volontà con cui don Rocco D’Ambrosio e, anzitutto, i suoi più stretti collaboratori hanno dimostrato il tanto che si può fare, pur con scarse risorse, al fine di costruire la buona società.

Ennio Triggiani
[docente università Aldo Moro, socio e docente CuF, Bari]

 


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.