Tu sei qui: Home / Nel giornale / Cercasi un fine - Anno 2015 / Cercasi un fine n. 100, anno 2015: 10 anni, 100 numeri / Associazionismo, soluzione per una democratica partecipazione? Di Pino Greco

Associazionismo, soluzione per una democratica partecipazione? Di Pino Greco

creato da D. — ultima modifica 18/04/2019 16:48
Pubblicato il giornale di Cercasi un Fine n. 100. 2005 - 2015: 100 numeri di giornale, 10 anni di attività. Il momento di una riflessione condivisa ...

 

Il marasma  quotidiano, ove si riscontra esclusivamente malaffare politico, ritrosità sociale, indifferenza e sfiducia nel prossimo, sembra che abbia come unica soluzione logica e diretta il pieno isolazionismo individuale.

Non possiamo biasimare i nostri figli se adottano un comportamento “casalingo” del rapporto sociale, il quale il più delle volte è sospeso dal contatto via web o dall’interazione multimediale dei giochi o social media con i propri coetanei. Infatti, noi adulti per la disaffezione alla “causa comune” e al bene comune, releghiamo le nostre attività di scambio relazionale alla stessa stregua dei nostri figli (pc, web, facebook, twitter, etc..). Non di certo siamo un buon esempio…

L’attuale visione pessimistica della realtà non può restare tale, anzi per un rilancio di tutte le attività sia sociali, economiche ed etiche, ognuno dovrebbe mutare il proprio atteggiamento, passando dalla chiusura interpersonale alla partecipazione democratica della vita quotidiana della società.

Molte volte identificarsi con movimenti politici diventa difficile, per l’alto tasso di corruzione e di interessi personali che in essi si riversano. Si potrebbe opzionare per l’adesione a quelle correnti sociali rivolte al miglioramento dei propri obiettivi personali, in relazione del raggiungimento di livelli di sviluppo collettivo sostenibili.

In questo stretto spazio fisico/temporale si possono inserire le esperienze associazionistiche, le quali prevedono azioni collegiali, con o senza lucro, atte a sviluppare in modulo democratico le finalità che le stesse si determinano.

Sterminati sono i numeri delle associazioni presenti sul nostro territorio, ma quantitativamente e qualitativamente non sono definite. Dalle esperienze vissute, non tutte hanno le carte in regola o la struttura reggente rispecchia le finalità che le medesime si propongono. Questo riscontro, potrebbe rendere vano tutto quanto sopra descritto, in quanto renderebbe la forma associativa assimilabile a quella politica, con gli stessi vizi e problemi.

Come reagire a quest’ennesimo attacco alla disponibilità di socializzazione?

Cercando di modificare i comportamenti personali di evidente personalismo o delle componenti dello stesso collegio, evitando le storture di imposizione dell’una o dell’altra corrente e cercando convergenze anziché la divisione.

La ricerca della soluzione a questo dilemma richiede necessariamente la perdita di parte della propria autonomia, della personale aspirazione e del soggettivo egocentrismo. Se non si è disposti a cedere parte di questa “indipendenza” a favore di una conduzione condivisa, non c’è partito politico che tenga o associazione che sussista.

A quel punto l’”animale politico” tra il Platonico ed Aristotelico esempio, non potrà mai poter realizzare il tessuto sociale ottimale, ma distorto nella sua essenza e nella sua forma.

Pino Greco – Impiegato Natuzzi – Direttivo Filcams Cgil Bari

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.