Tu sei qui: Home / Nel giornale / Cercasi un fine - Anno 2015 / Cercasi un fine n. 100, anno 2015: 10 anni, 100 numeri / 10 anni, 100 numeri: pensando di Davide D’Aiuto

10 anni, 100 numeri: pensando di Davide D’Aiuto

creato da webmaster ultima modifica 18/04/2019 16:48
Pubblicato il giornale di Cercasi un Fine n. 100. 2005-2015: 100 numeri di giornale, 10 anni di attività. Il momento di una riflessione condivisa ...

 

Tutto è iniziato con l’università. 
Ebbene si. L’università, o meglio il dover svolgere un tirocinio giornalistico, mi ha permesso di conoscere una realtà come Cercasi un fine. Ma prima è necessario anche fare una precisazione.

Io non ho mai avuto un buon rapporto con il volontariato nella mia città. Sarà che dove vivo la parola volontariato ha un’interpretazione diversa da come la considero io, sarà che forse non mi piacciono i meccanismi ristretti e chiusi ad una piccola cerchia di persone, fatto sta che ho sempre litigato con il volontariato fino a due anni fa.

Come detto ho iniziato la mia avventura con Cercasi per un tirocinio: imparare i segreti del giornalismo, della scrittura, della correzione, insomma tutti quei compiti che un futuro aspirante giornalista deve conoscere.

Iniziato come un lavoro, sì uno di quei corsi che obbligatoriamente devi fare all’università, ma alla fine si è trasformato in qualcosa di più. Difficile da spiegare con semplici parole ma ci proverò.

L’accoglienza, cosa a me palesemente sconosciuta nelle precedenti esperienze, è stata fantastica; per la prima volta in vita mia mi sono sentito a casa. 
Non è facile, per chi veniva dal vuoto del proprio paese, provare una sensazione di comunità come quella sperimentata in questa esperienza. Trovarsi in sintonia con un gruppo ben avviato e fortificato è stata una delle emozioni più grandi.

Al di là di tutto, forse ciò che rende questo progetto unico è la partecipazione.
C’è sempre qualcuno disposto a dare un aiuto, a mettersi in gioco, a collaborare per tutti. In una società individualista questo senso di unione e collaborazione è un bene prezioso e inestimabile, sicuramente da difendere.

La formazione è l’altro punto fondamentale.
No, non parlo
dell’insegnarmi solo i trucchi del mestiere giornalistico, ma principalmente della formazione culturale e politica. È interessante potersi confrontare sui problemi che coinvolgono il mondo in cui viviamo, la società che frequentiamo, cercare soluzioni ai mali che coinvolgono l’umanità.

I seminari, gli incontri, sono punti di riflessione importanti per crescere non solo come persone, ma anche come cittadini.

Alla fine del mio periodo di tirocinio, dopo il quale comunque mi ero divertito nella stesura di qualche articolo e più di una correzione, ho scelto io, ho chiesto io di poter continuare la mia avventura qui.

La mia scelta è stata dettata dalla voglia di poter continuare con un percorso e un cammino che mi è piaciuto sin dall’inizio, che ho trovato interessante.

L’avere tanto da imparare e il potersi confrontare serenamente è utile ai giovani come me che si affacciano ai problemi del mondo per la prima volta.

La mia speranza è poter continuare a crescere e a dare quel qualcosa in più, o meglio restituire, dopo aver ricevuto davvero tanto in questi due anni.

Forse e non sbaglio, visti i precedenti personali, la mia scelta è anche dettata dal pensiero di aver trovato un luogo, un gruppo che ti accoglie come una famiglia e ti apre le porte di una casa.

Davide D’Aiuto
[dottore in comunicazione, redazione CuF, Bitetto, Bari]

 


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.