Tu sei qui: Home / Associandoci / Cercasi una casa

Cercasi una casa

creato da webmaster ultima modifica 28/02/2020 12:48
Cercasi un fine in una casa per le nostre attività
Cercasi una casa

... e Cercasi una casa!

 

La Casa di cercasi un fine è un progetto in cantiere, mirato a realizzare un unico spazio fisico in cui concentrare le numerose iniziative di Cercasi un fine, in forma stabile, strutturata e duratura, in sinergia con le scuole del circuito. L’idea è quella di realizzare una vero e proprio centro residenziale per offrire servizi formativi residenziali a giovani in formazione, politici, personale della pubblica amministrazione, operatori del terzo settore e delle organizzazioni ambientaliste, immigrati.

Oggi l’impegno sociale e politico risente di gravi lacune formative. E’ sotto gli occhi di tutti la crisi che investe la classe dirigente delle nostre istituzioni. Ci riferiamo a capacità personali e relazionali, maturità etica e competenze professionali di coloro che ricoprono ruoli di responsabilità nel mondo politico, nell’amministrazione pubblica, nelle varie istituzioni culturali, nelle strutture sociali e sanitarie, nei movimenti ambientalistici, nel volontariato e nell’associazionismo. Per essi intendiamo offrire percorsi di formazione adeguati alle loro esigenze. Questa formazione avrà nella socialità, nella politica e nell’interculturalità i suoi assi portanti e permetterà ai partecipanti di migliorare e specializzare le loro competenze.

La Casa di Cercasi un fine è promossa da cristiani che concepiscono l’impegno culturale, religioso, sociale e politico come servizio e amore concreto verso tutti, in particolare verso gli ultimi; evitando il rifugiarsi nel privato e le forme deleterie di spiritualismo, di disimpegno e deresponsabilizzazione in ogni campo dell’attività umana, prendendo le distanze da ogni compromesso e connivenza con i poteri corrotti, cercando onestamente e ostinatamente tutte le vie per realizzare città a misura di persona umana, nella giustizia, nella solidarietà, nell’accoglienza e nella pace.

La Casa di Cercasi un fine vuole essere punto di incontro e formazione per tutte le donne e gli uomini di buona volontà, che nella diversità delle culture, religioni e tradizioni politiche, sono autentici compagni di strada perché ispirati dai principi fondanti il vivere civile e politico, espressi nella Carta costituzionale italiana.

La Casa di Cercasi un fine per realizzare la sua finalità ha avviato collaborazioni con movimenti di cittadinanza attiva e impegno civile, università, associazioni e strutture del volontariato, movimenti ambientalistici, organizzazioni sociali, centri di ricerca, case editrici. Essa offrirà le azioni di supporto ritenute strategiche per il consolidamento delle attività: produzione di materiali di studio ed approfondimento (abstract, libri, saggi e manuali); gestione del portale di e-learnig; realizzazione di eventi ad alto contenuto scientifico a specialistico (convegni, work shop, tavole rotonde, forum, ecc.). La struttura sarà quindi attrezzata con un numero di ambienti e di spazi adeguati ad ospitare gruppi in situazione di apprendimento attivo.

In sintesi la Casa di Cercasi un fine intende svolgere attività come:

  • la formazione sociale, politica e culturale;
  • la formazione per politici, operatori della pubblica amministrazione e operatori del terzo settore e culturali;
  • l’accoglienza di cittadine e cittadini provenienti da Paesi extracomunitari;
  • l’educazione e il turismo sociale e ambientale;
  • la residenza per giovani universitari di ogni Paese europeo e non.

 

Per realizzarla, passando dal sogno alla realtà, abbiamo compiuto dei passi. Esattamente:

  1. Nell’autunno del 2006 abbiamo avviato una trattativa per la donazione di un’antica masseria di fine ‘600; purtroppo la trattativa si è arenata.
  2. Nell’aprile 2007 il Centro Studi Erasmo ha fatto richiesta all’Amministrazione provinciale di Bari, presidenza Vincenzo Divella, di poter utilizzare una struttura sociale abbandonata; l’Amministrazione Regionale si è resa disponibile a partecipare nella ricerca dei fondi necessari per la ristrutturazione;  tuttavia alcune notevoli difficoltà tecniche, soprattutto nel ricercare i necessari partner nazionali dell’iniziativa, hanno determinato la non praticabilità del progetto. La stessa richiesta l’abbiamo rifatta alla giunta Schittulli nel 2009: nessuna risposta.
  3. Nella primavera del 2008 abbiamo fatto richiesta di cessione in comodato di una villa e di alcuni locali, con un vasto parco di querce annesso, sulla Murgia barese, proprietà di una famiglia barese. Risposta negativa.
  4. Nell’aprile 2009 otteniamo in comodato gratuito, dall’amministrazione Gentile, alcune ville sequestrate per abusivismo edilizio adiacenti alla Foresta di Mercadante (Cassano, Bari); esse ottengono un finanziamento PON per un progetto chiamato Casa della Convivialità, che poi sarà rifiutato, nel 2010, dalla successiva amministrazione Di Medio.
  5. Nel settembre del 2009 abbiamo fatto richiesta alla Fondazione Maugeri di affidarci in comodato il Villaggio del Fanciullo di Cassano. Risposta negativa.
  6. Nell’ottobre 2010, abbiamo sottoscritto un comodato gratuito di 20 anni con l’Ente Ecclesiastico “F. Miulli” per parte dell’immobile ex Ospedale Collone sulla s.p.127 Acquaviva-Santeramo al km 5, ove già risiede il Polo Formativo Universitario nonché la scuola infermieristica triennale, purtroppo per essa c’è un’impossibilità di partecipare ai finanziamenti europei visto l’obbligo del co-finanziamento, che ci impegnerebbe con grandi risorse economiche di cui non disponiamo.
  7. Nel settembre del 2011 abbiamo fatto richiesta di cessione in comodato di una casa rurale, con un vasto parco di querce annesso, nel territorio di Cassano. Risposta negativa.
  8. Nel giugno 2012 abbiamo fatto richiesta dell’Istituto S. Maria degli Angeli adiacente all’omonimo Santuario in Cassano. Il provinciale italiano dell’ordine degli agostiniani, in un primo momento molto interessato all’affidamento dell’immobile alla nostra associazione, sentito il suo consiglio provinciale, ha espresso poi parere negativo.
  9. Nel novembre 2013 abbiamo preso in affitto dei locali per ufficio e abbiamo stabilito la sede operativa dell’associazione, dopo aver usufruito gratuitamente di un appartamento che ci è stato concesso temporaneamente da una nostra sostenitrice.
  10. Nel novembre 2017 abbiamo ricevuto in dono un locale, nel centro storico di Cassano delle Murge, che è stato adibito a sede dell’Associazione e piccola biblioteca.

 

… la ricerca di uno spazio più ampio continua!

 

 

    Azioni sul documento
    • Stampa
    Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

    Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

    Sesto libro della collana di Cercasi un fine

     


    La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

     

    Quinto libro della collana di Cercasi un fine


    Attrezzarsi per la città

    Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

    Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


     

    Meditando in video
    Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
    Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
    Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
    Guida alla riforma costituzionale
    Di più…
    I nostri amici stranieri

    Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

    Maggiori info >>>

    centro di ascolto.jpg

    Associandoci

    logo-barchetta.jpg
    Cercasi un fine
    è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

    Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

    altre info su

    presentandoci
    cercasi una casa
    sostenendoci

    con carta di credito o PayPal

    Leggendo il giornale

    Cercasi un fine 118.jpg

    E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
    (2020- Anno XVI)

    quadratino rosso Tema: Economia civile

    Scrivendo per il giornale

    Se volete scrivere per il giornale:
    direttore@cercasiunfine.it


     

     listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

     listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

     listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

    Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

    Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
    Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
    1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
    2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
    3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
    4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
    Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


    Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.