Tu sei qui: Home Meditando In articoli e commenti, scelti da noi Senso di appartenenza, di Pietro Urcioli

Senso di appartenenza, di Pietro Urcioli

creato da direttore ultima modifica 14/09/2015 17:42 Cercasi un fine
Quello che viene comunemente definito senso di appartenenza è sicuramente un sentimento di fondamentale importanza nella nostra vita quotidiana, un legame che si instaura tra individui coscienti di avere in comune una medesima matrice culturale, intellettuale, sociale, professionale, religiosa.
Senso di appartenenza,  di Pietro Urcioli

appartenere o scappare?


Quello che viene comunemente definito senso di appartenenza è sicuramente un sentimento di fondamentale importanza nella nostra vita quotidiana, un legame che si instaura tra individui coscienti di avere in comune una medesima matrice culturale, intellettuale, sociale, professionale, religiosa. Frequentemente esso porta alla costituzione di organismi di vario genere – fondazioni, istituzioni, società, enti, associazioni, corporazioni, ordini e quant’altro – i cui principali obiettivi sono ad extra la tutela degli interessi degli aderenti e ad intra la promozione della loro coscienza identitaria.

Tuttavia è anche vero che un senso di appartenenza troppo marcato può comportare effetti deleteri. In questi casi l’organismo si chiude in se stesso separandosi dal suo naturale contesto; finisce col prendere piede una logica di divisione di tipo “dentro/fuori” per la quale gli estranei vengono visti come diversi. È appena il caso di rilevare che questa è la stessa logica che ispira i settarismi, i fondamentalismi, i nazionalismi; in questi casi, evidentemente patologici, la rivendicazione identitaria è talmente esasperata che gli estranei da diversi finiscono col diventare nemici. Il singolo, inoltre, rischia di vedere compromessa la propria individualità. Frequenti sono i casi di organismi che richiedono ai propri membri un’adesione totale e incondizionata e utilizzano ogni mezzo per stimolare e accrescere in essi lo spirito di gruppo; l’individuo in questo ambiente così fortemente caratterizzato può trovarsi nella condizione di dover delegare ad altri, più o meno consapevolmente, le proprie scelte.

Come va dunque vissuto un senso di appartenenza che, per quanto intenso e gratificante, sappia tenersi lontano da questi eccessi? Come si può appartenere a un organismo senza esserne assorbiti, senza rinchiudere in esso i propri orizzonti intellettuali ed emotivi?

Personalmente ritengo che collocarsi in una posizione di frontiera, di bordo - con i piedi dentro e con la testa fuori, se così si può dire - possa costituire un sistema efficace: sufficientemente dentro, così da contribuire e attingere a un comune sentire, ma anche sufficientemente fuori, così da esercitare liberamente il proprio giudizio critico. Una posizione un po’ decentrata, eccentrica, così da resistere ai richiami centripeti e non cedere a tentazioni centrifughe. Credo che questa sia la sola collocazione che consenta di non lasciarsi condizionare eccessivamente dall’organismo di appartenenza: rimanere terzi rispetto ad esso quel tanto che basta per conservare la propria indipendenza di azione e di pensiero, per mantenere integra la propria obiettività di giudizio. Conseguentemente, il senso di appartenenza che deriva da questa collocazione marginale non è mai totalizzante, senza se e senza ma; al contrario, è sempre parziale, limitato, anche quando la propria adesione è suggellata da un atto ufficiale, solenne, se non addirittura sacro, come può esserlo un sacramento o una professione religiosa. Si appartiene, certo, ma solo fino a un certo punto; c’è sempre una riserva mentale che lascia aperta una via di fuga intellettuale, è sempre alta la soglia di attenzione critica che consente di operare tutti quei distinguo resi opportuni o necessari dalle circostanze contingenti.

È una collocazione intellettualmente scomoda, impegnativa, faticosa da sostenere e da difendere: chi decide di farla propria corre il rischio di essere considerato come uno che ha l’arroganza di preferire la propria opinione a quella dei più, che col proprio comportamento mette a rischio l’unità del gruppo, che rifiuta l’ortodossia dell’organismo stesso del quale fa parte; una posizione scomoda, quindi, anche dal punto di vista emotivo poiché non risparmia sensi di colpa e conflitti interiori. Tuttavia, per quanto scomoda, ritengo che questa collocazione sia anche l’unica che possa essere di una qualche utilità per se stessi e in fin dei conti anche per gli altri. È l’eresia, non certo l’ortodossia, il vero motore del rinnovamento; eretico è colui che ha il coraggio di scegliere e utilizza ciò che sceglie per aprire nuove strade, per esplorare nuovi territori. Per rinnovarsi e rinnovare bisogna essere eretici. Per essere eretici bisogna essere liberi. E per essere liberi bisogna restare ai margini.

[l'autore è ingegnere, socio di Cercasi un fine, Avellino]

Azioni sul documento
  • Stampa
« febbraio 2016 »
febbraio
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
29
Prossimi eventi
12 feb 2016 - Il Dio di... Nelle riflessioni di Raniero La Valle 12/02/2016 17:00 - 19:30 — Palazzo comunale di Gioia del Colle, p.zza Margherita di Savoia, 10
redazione CuF 27/02/2016 15:00 - 17:00 — sede dell'associazione
19 mar 2016 - CuF 2015-16 - La politica persa e ritrovata: da Dante a #hashtag 19/03/2016 16:00 - 19:00 — Parrocchia Santa Maria Maggiore, via Sannicandro, 68 - Acquaviva delle Fonti (Ba)
Prossimi eventi…
I seminari CuF 2015-16

Punes

Cercasi un Fine 2015-2016

I nostri incontri:

 

28 novembre 2015

23 gennaio 2016

19 marzo 2016

7 maggio 2016


Incontri aperti a tutti

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Corruptia, il malaffare in un Comune italiano

Curato da Rocco D'Ambrosio, un libro sulla corruzione di un Comune italiano, per imparare dove nasce e cresce la corruzione e debellarla con uno sforzo etico e culturale.


 

Non come pilatoNon come Pilato. Cattolici e politica nell’era di Francesco, di Rocco D'Ambrosio.

Secondo libro della nostra collana Pubblica Etica, edita da la meridiana (www.lameridiana.it) in collaborazione con l’Associazione di cultura e politica “Cercasi un fine”.

Meditando in video
Conferenza
7 PAROLE PER LA BUONA CITTA' - la buona città chi la costruisce
2015
Puntuale anche questo anno il progetto "Andare oltre si può", patrocinato da UNESCO - IYL 2015, Presidenza del Consiglio dei Ministri, MiBACT, Regione Toscana e Coordown, presenta il nuovo singolo "C'è Luce"
Andare oltre si può
2015
Cercasi un fine - Quarto seminario di studio 2014-2015, Monopoli (Ba) - 22 maggio 2015
La cittadinanza attiva: esperienze a confronto, con Fausto Bertinotti e Salvatore Leopizzi
2015
«Aspetto un bambino. Ho scoperto che ha la sindrome di Down. Ho paura. Che vita avrà mio figlio?». La lettera di una mamma a cui dare risposta. Da dove cominciare? Dalle parole di quindici bambini e ragazzi down. Dai loro volti sorridenti che rassicurano con una promessa: «Cara futura mamma, non avere paura. Tuo figlio potrà fare un sacco di cose».
I ragazzi Down alle future mamme: «Non avere paura»
More…
Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Discutendo on line

discutendo su tematiche di attualità per capire, scoprire, confrontarci, maturare, impegnarci. A te la parola!

Terra nostra: come usiamo o abusiamo dei nostri territori?


I bambini: come costruire ambienti e città a misura dei bambini?

Leggendo il giornale

Cercasi un fine n. 100
(2015 - Anno XI)

quadratino rosso 10 anni, 100 numeri, Lorenzo Milani
archiviando il giornale... (i numeri arretrati)


Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
associazione@cercasiunfine.it


il n. 103 è su Lavoro e Dignità (Cosa nobilita il lavoro e cosa lo schiavizza? Cosa fanno politica e sindacati per tutelare la dignità del lavoro?), testi da inviare entro il 15 febbraio 2016.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo.
Accettiamo anche contributi in altre lingue.