Tu sei qui: Home In Parola Purezza e vita, di Rocco D'Ambrosio

Purezza e vita, di Rocco D'Ambrosio

creato da direttore ultima modifica 07/01/2018 13:14
Il bisogno di purificazione è uno dei più innati nella natura umana. Su di esso ha scritto la famosa antropologa Mary Douglas nel suo Purezza e pericolo...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».
Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento»
(Mc 1, 7-11).

7 gennaio 2018. Il bisogno di purificazione è uno dei più innati nella natura umana. Su di esso ha scritto la famosa antropologa Mary Douglas nel suo Purezza e pericolo. Un'analisi dei concetti di contaminazione e tabù (Purity and Danger. An Analysis of Concepts of Pollution and Taboo). Del testo mi ha sempre colpito la capacità di svelare come la coppia purità/impurità contenga molti più significati di quanto normalmente ne riusciamo a cogliere in tutti quei gesti, ordinari e straordinari, in cui cancelliamo impurità per recuperare purezza.

Che c’entra tutto questo con il battesimo? Molto. Giovanni lo pratica per purificare il popolo e renderlo degno di accogliere il profeta. Giovanni si sente strumento di questa purificazione, confessa la sua indegnità ed è tutto orientato a far concentrare l’attenzione sul Cristo: Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. E’ ovvio che è una persona umile. Ma non basta dire questo. E’ umile perché riconosce il limite della sua azione profetica, purificatrice. Se lo spiegassimo ai bambini diremmo: sa che la sua acqua battesimale non basta, non funziona pienamente per rendere i cuori pronti a ricevere il Cristo. Per questo afferma: Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo.

Gesù, tuttavia, riceve quel battesimo imperfetto e la manifestazione della sua divinità si realizza in quel contesto umano, di ricercata purezza e di grande pericolo interpretativo, per dirla con la Douglas. Ricordiamo bene cosa avviene: subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento». E’ una manifestazione straordinaria di Dio Padre, dove la straordinarietà non è tanto negli strumenti-simboli - la colomba e la voce - quanto nella portata del messaggio: è il Cristo, l’amato da Dio e Colui nel quale si trova il compiacimento divino.

E questo evento cosa insegna alle nostre purificazioni? Direi - ancora come se parlassi a dei bambini - che l’acqua non basta! Serve ma non basta. Ci sono tracce, ricordi, segni, ferite in noi da cui vorremmo tanto essere purificati e che, forse, abbiamo tante volte cercato di eliminare lavandoli. Purtroppo senza successo. Ricordiamoci che il Cristo battezza con lo Spirito Santo, che purifica e da vita. Dobbiamo, dunque, chiederglielo. Sempre.

Rocco D’Ambrosio


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 111
(2018 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: I giovani

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


Il 114 è sull'EUROPA (il progetto Europa è ancora valido? Quali le sue positività e quali i suoi limiti?) testi da inviare entro il 30 novembre 2018.

 


Il 115 è sull'AMBIENTE (affrontiamo il tema considerando la direttrice Lavoro - Sviluppo - Ambiente; cioè il problema ambientale visto in rapporto al lavoro e allo sviluppo del territorio)  testi da inviare entro il 28 febbraio 2019.

 


Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2019.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.