Tu sei qui: Home In Parola Famiglie e cliché, di Rocco D'Ambrosio

Famiglie e cliché, di Rocco D'Ambrosio

creato da direttore ultima modifica 29/12/2018 23:21
C’è da riflettere molto sul fatto che il modo di parlare di famiglia, in diversi contesti cattolici, è spesso asettico...

 

Il Vangelo odierno: II genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme.
Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte.
Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro.
Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini
(Lc 2, 41-52).

30 dicembre 2018. C’è da riflettere molto sul fatto che il modo di parlare di famiglia, in diversi contesti cattolici, è spesso asettico: si ama riferirsi a grandi principi, a grandi scelte e politiche familiari, a problemi etici comunque straordinari (aborto, eutanasia, fecondazione in vitro). Discorsi che spesso sono accompagnati da prese di posizione rigide in cui si preferisce condannare e non dialogare, imporre più che educare, dogmatizzare più che ricercare. Seguendo questo filone di discorsi sembra che la vita della famiglia sia fatta solo di grandi e inderogabili scelte di etica speciale. Anche il dibattito relativo al Sinodo sulla famiglia spesso è stato troppo concentrato su situazioni particolari e specifiche.

Ma la famiglia è prima di tutto quotidianità. Ci aiuta il Vangelo odierno: Gesù si perde nel tempio come un normale fanciullo della sua età. I genitori lo cercano e apprendono, imparano, all’inizio non comprendendo appieno, il piano di Dio nella quotidianità, nella difficoltà del loro educare un fanciullo particolare. Parliamo troppo di famiglie che sono modelli asettici e fuori del mondo, che sembrano non esistere in cielo come in terra. Le nostre famiglie, nella stragrande maggioranza dei casi, combattono con problemi non speciali e occasionali (aborto, eutanasia, fecondazione in vitro) ma quotidiani e persistenti (educazione dei figli, rapporto con gli anziani, malattie gravi, disoccupazione e scarsezza di fondi, relazioni con parenti e amici, debiti e così via). Dobbiamo educarci a cercare Dio in essi.

Penso a un problema notevole e determinante la serenità di tutti: quello delle relazioni all’interno della singola famiglia e delle famiglie tra di loro. Quanto odio, antipatia, rifiuto c’è nella vita familiare? E cosa pensiamo che Dio voglia da noi? Ci basta essere contro l’aborto e l’eutanasia per mettere a posto la nostra coscienza? «Gli odi familiari sono i più dannosi di tutti perché si soddisfano man mano, attraverso un contatto perpetuo. Somigliano a quegli ascessi aperti che avvelenano a poco a poco, senza febbre», scriveva Bernanos nel suo Diario di un curato di campagna. Quante famiglie si sono avvelenate, magari saranno state ferme nell’essere antiabortisti o antieutanasia, non certo nell’amore e nel perdono!

Giuseppe e Maria non compresero subito e pienamente il piano di Dio sul piccolo Gesù, Maria meditava nel suo cuore quello che accadeva. Forse le nostre famiglie hanno bisogno di meditare sulla qualità delle relazioni che in esse si instaurano. Spesso si lavora solo sulle quantità (soldi, successo, prestigio, potere) e non qualità delle relazioni. Poi la crisi economica fa il resto creando sempre più famiglie chiuse in sé e spesso distrutte da odi, invidie e avarizia.

Gesù ricorda a Maria e Giuseppe che se si vuole salvare la propria bisogna occuparsi di altro, cioè delle cose del Padre. Allora iniziamo con il chiederci quali sono le cose del Padre per la mia famiglia e quali no.

Rocco D’Ambrosio


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

CuF112.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 112
(2018 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'arte di governare

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


Il 114 è sull'EUROPA (il progetto Europa è ancora valido? Quali le sue positività e quali i suoi limiti?) testi da inviare entro il 30 novembre 2018.

 


Il 115 è sull'AMBIENTE (affrontiamo il tema considerando la direttrice Lavoro - Sviluppo - Ambiente; cioè il problema ambientale visto in rapporto al lavoro e allo sviluppo del territorio)  testi da inviare entro il 28 febbraio 2019.

 


Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2019.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.